insieme. per l'amore.


La nostra mission

L’associazione è costituita per svolgere attività nel campo della cultura e della sua diffusione nella società, con l’obiettivo di:

  • promuovere il benessere, la maturazione e il rispetto della persona umana, ponendola sempre al centro dell’intervento e fornendo un ruolo centrale alla coscienza individuale;
  • elaborare e diffondere nuovi strumenti metodologici ragionati per l’inclusione e coerenti con il grado di sviluppo e maturazione del destinatario dell’intervento, mirando alla capacità della lettura di sé, alla maturazione e alla scelta consapevole nei soggetti destinatari della formazione;
  • contribuire con pubblicazioni, corsi e convegni dedicati a giovani, genitori ed educatori, alla diffusione di proposte educative ancorate a teorie psicologiche e pedagogiche chiare ed esplicite, con riferimenti anche a dati ed evidenze scientifiche recenti;
  • Sensibilizzare la società e le nuove generazioni, nel rispetto del primato educativo dei genitori, a riconoscere e valorizzare le differenze e alla cultura del rispetto di sé e degli altri, per prevenire atti di discriminazione, prevaricazione e violenza, contro ogni forma di esclusione sociale, con particolare attenzione ad azioni di prevenzione e contrasto alla violenza e alla discriminazione, al bullismo e al cyberbullismo;
  • Promuovere un forte patto di fiducia tra genitori, scuola e professionisti con responsabilità distribuite secondo gli ambiti di competenza e rispettoso del valore di tutti;
  • Formare coloro che svolgono un decisivo ruolo educativo nei contesti sociali sui temi educativi, dell’accoglienza, dell’educazione emotiva, del rispetto dei tempi di sviluppo dei bambini;
  • Supportare le scuole e realtà extrascolastiche, tramite l’aiuto di professionisti, i genitori, docenti ed educatori con incontri dedicati e materiale specializzato nell’affrontare la sfida educativa;
  • Incoraggiare l’attuazione dei diritti costituzionali concernenti l’uguaglianza di dignità e di opportunità e la lotta contro ogni forma di discriminazione nei confronti di cittadini che, per età, deficit psichici, fisici o funzionali o di specifiche condizioni socio-economiche, siano in condizioni di marginalità sociale.